martedì 30 novembre 1999

Condizionamento

La toppa dell'ATM per aggiungere la climatizzazioneLe prime memorie che ho del Giappone sono del lontano 1989. E, tra le tante cose, mi ricordo in particolare l'aria condizionata. Freddissima. Dappertutto. Un'esagerazione, devo dire, perché poi, all'uscita dai posti climatizzati, il trauma del calore asfissiante era enorme.

Però era il 1989 ed il sistema di trasporto pubblico di Kyoto aveva l'aria condizionata. Quasi 20 anni fa. Kyoto. Non la metropoli Tokyo, parlo di quella città dove sono nato che potrebbe essere la Firenze giapponese.

A Milano, la "metropoli" italiana, la città dei fighi, finalmente oggi, per la prima volta, sono potuto salire su di una carrozza di quelle vecchie (non quelle gigalunghe) e non morire soffocato dal calore. Quasi 20 anni dopo.

Va bene, le carrozze gigalunghe con l'aria condizionata sono state introdotte qualche anno fa. Facciamo uno sconto: dato che non so esattamente da quanto tempo (sul sito di Atm non è facile reperire info, se ce ne sono), diciamo che la ATM è riuscita, nel 2004, a portare l'aria condizionata sulla sua metropolitana.

Quasi 15 anni dopo.

Ridicolo.

E oltretutto oggi è stato dissequestrato l'Hollywood. Perché per sequestrarlo ci hanno messo migliaia di anni, nonostante fosse sotto gli occhi di tutti, mentre per riaprirlo quattro mesi sono bastati.

Ridicolo.

5 commenti:

  1. vabbè dai..nei paesi asiatici in estate si muore di caldo...io per esempio non ricordo a Bangkok qualcosa al chiuso senza aria condizionata (compresi gli ostelli da 3 euro a notte)...qui è anche sopportabile suvvia!

    RispondiElimina
  2. Per te che sei di Nova e non vai a Milano in metropolitana per lavoro ovviamente la cosa è sopportabile. Per chi la prende tutti i giorni (non è fortunatamente il mio caso, dato che la bici l'ho ritirata dal meccanico e funziona!!!) è un altro discorso.

    E comunque il Giappone non è Bangkok, per dire che adesso a Kyoto ci sono 33 gradi.

    RispondiElimina
  3. è l'umidità dell'oriente che schianta...a bkk a novembre c'erano meno di 30° ma l'umidità rasentava il 96%..non capisco come fa la gente del posto a non avere gli indumenti bagnati...comunque concordo sul fatto che qui dovevano metterla prima..

    RispondiElimina
  4. utente anonimo8 agosto 2008 15:20

    Ma poi basta lamentarsi...e fa caldo e ne fa troppo. E fa freddo e ne fa troppo...altrimenti, quando saremo vecchi, cosa avremo da fare?

    RispondiElimina
  5. cazzo oh, ma basta lamentarsi di chi si lamenta!

    cheppoi vabbè, per le cose non dipendenti dal nostro volere è corretto e giustificabile lamentarsi.

    RispondiElimina